Balotelli: \"Felice al City anche se non sorrido\"

2010-12-29 17:20:04
Pubblicato il 29 dicembre 2010 alle 17:20:04
Categoria: Olimpiadi
Autore: Fabio Codebue

Non ride e non esulta ma giura che non gli manca l'Italia. Dopo la prima tripletta inglese Mario Balotelli smentisce di voler lasciare il Manchester City. Protagonista assoluto della vittoria sull'Aston Villa che ha trascinato il suo Manchester City al primo posto della Premier League (a pari punti con i cugini dello United), Supermario torna a parlare per negare le voci che lo vogliono con la valigia in mano dopo appena cinque mesi dal suo arrivo in Inghilterra. "Sono molto felice qui, anche se i giornalisti in Italia dicono che voglio andare al Milan - le parole di Balotelli -. Mi impegno in allenamento, e voglio diventare un giocatore importante per questa squadra. Sono felice anche quando non sorrido. Penso che il compito di un attaccante sia di segnare, è il mio lavoro. Per questo non esulto".

Complice il pari dello United sul campo del Birmingham City, Mancini può dunque godersi un capodanno al vertice. Una soddisfazione che neppure le indiscrezioni sul futuro di Balotelli possono rovinare. "Forse Mario può avere un po' di nostalgia di casa - ha ammesso "Mancio" al termine della gara coi Villans -. D'altronde ha solo 20 anni ed è la prima volta che vive fuori casa. Nel 2011 però spero di avere qualche sorriso in più da lui".

Un augurio subito accompagnato da un paragone illustre. "Il mio assistente Brian Kidd mi ha detto che (Cristiano) Ronaldo aveva gli stessi problemi di Mario quando è arrivato al Manchester United. C'è voluto tempo perché si abituasse alla nuova vita. Mario non ride, vuole trasmettere l'immagine del duro in campo, ma nella vita di tutti i giorni non è così. Sta imparando anche se deve ancora lavorare tanto per potere dare il meglio di sè. Perché ha qualità incredibili e può diventare davvero un giocatore davvero importante".